News

Le ultimissime notizie da Ascom Varese

Alitalia: oggi il dossier al Consiglio dei Ministri

Sul futuro di Alitalia il governo deciderà entro metà gennaio, senza badare a rivolte e proteste, né a pressioni delle categorie, né a corporativismi.
E’ deciso su questa linea il premier Romano Prodi, che ha assicurato verrà trovata “una soluzione efficace, che venga incontro agli interessi del Paese”, mentre il titolo della compagnia cede pesantemente in Borsa, lasciando sul terreno il 2,45%.

A sollecitare una decisione rapida, in un’intervista al 'Sole 24 ore', è stato il numero uno della compagnia, Maurizio Prato, perché “è l’ultimissima spiaggia. Non ci sarà più tempo per altri tentativi”.
E mentre oggi il Consiglio dei Ministri esaminerà il dossier dopo che il Cda di Alitalia ha scelto Air France per trattare la cessione del 49,9% del Tesoro, ieri sera a Palazzo Chigi c’è stato un incontro ristretto tra il premier, il suo vice Rutelli ed i ministri Bianchi, Padoa-Schioppa e Bersani. Una riunione probabilmente preparatoria in vista del Consiglio.

Prodi, nella conferenza di fine anno, ha ricordato che sono state sollecitate a salvare la compagnia sia imprese straniere sia italiane e si è detto sorpreso dalle proteste di alcuni imprenditori del Nord. Ora, tra Air France-Klm e AirOne “dobbiamo scegliere la migliore”, ha detto il premier rivendicando che solo il suo Governo ha affrontato realmente l’emergenza Alitalia.

“Abbiamo avviato da subito una procedura di cambiamento. Ci abbiamo messo più del previsto”, ma “andremo fino in fondo” ha insistito il capo dell’Esecutivo.

Quanto all'ipotesi che possa nascere una “compagnia del Nord” che abbia base a Malpensa (Blue Panorama si è candidata ad essere vettore di riferimento per voli di medio e lungo raggio), Prodi ha detto: “se parte ben venga, ma la facciano partire”.

Letta 2468 volta/e