News

Le ultimissime notizie da Ascom Varese

Confcommercio provincia di Varese: "Abbiamo fatto la nostra parte, ma adesso le attività devono riaprire"

I presidenti delle cinque Ascom in vista dei nuovi provvedimenti denunciano una situazione non più sostenibile: «Servono anche contributi e ristori adeguati alle perdite registrate». Intanto l’associazione punta su Shopper, la piattaforma di e-commerce locale.

«Nel 2020 l’associazione ha fatto la sua parte e soprattutto hanno fatto la loro parte gli associati, che dall’inizio della pandemia fino ad oggi si sono adeguati ad ogni misura assunta a livello nazionale e regionale. Ma adesso basta, gli ennesimi provvedimenti di chiusura e di limitazione degli spostamenti non sono più sostenibili».

I cinque presidenti delle Ascom territoriali di Confcommercio provincia di Varese, (Giorgio Angelucci, Varese; Rudy Collini, Busto Arsizio; Renato Chiodi, Gallarate; Andrea Busnelli, Saronno; Franco Vitella, Luino) guardano al 2021, attrezzandosi ad affrontare abitudini di vendita e di acquisto completamente stravolte dal Covid-19 e assumendo una posizione sempre all’insegna della massima collaborazione ma più rigida nei confronti di provvedimenti che rischiamo di «dare il colpo di grazia definitivo a tante delle attività che hanno resistito in questi mesi».

Sempre disposti a collaborare ma i negozi devono riaprire

«Tutte le nostre categorie», spiegano i presidenti, «hanno rispettato le imposizioni di legge, adeguando le loro attività alle misure anti Covid. Hanno speso del denaro, pur nel periodo di difficoltà, ed hanno accettato chiusure e limitazioni. Ora, sempre agli stessi, vengono chiesti nuovi sacrifici, che però non è più possibile sostenere. Bar, ristoranti e negozi devono riaprire perché altrimenti chiuderanno per sempre. Noi come associazione garantiamo il rispetto di tutte le norme sanitarie e in più, ci rendiamo disponibili a trovare soluzioni che portino a controlli più puntuali e più rigidi, rivolti agli imprenditori ma anche ai clienti. Una di queste potrebbe essere chiedere il supporto della Protezione Civile la cui presenza nelle piazze, nelle strade e nei mercati riteniamo possa contribuire a fare prevenzione e informazione, facendo presenti le misure in vigore, soprattutto per quanto riguarda il divieto di assembramenti.  Anche all’esterno della grande distribuzione dove, ci segnalano, in alcuni casi stia venendo meno il rispetto delle norme di sicurezza».
I presidenti chiedono con forza anche «il riconoscimento di contributi a fondo perso e ristori adeguati alle perdite registrate dalle attività», mentre rivolgendosi alle amministrazioni locali, rinnovano la richiesta di una ulteriore proroga o, meglio ancora, di azzeramento delle tasse e dei tributi comunali degli imprenditori commerciali.

Shopper: l’e-commerce provinciale pronto a decollare

Per quanto riguarda le abitudini di vendita e acquisto rivoluzionate dal Covid-19, le attività del presente e del futuro dovranno necessariamente rivolgere una particolare attenzione al mercato dell’on-line.
In quest’ottica va inquadrata la convenzione a vantaggio degli associati di Confcommercio provincia di Varese con “Shopper”, la piattaforma provinciale di acquisti digitali, realizzata da Sev con il supporto della sua agenzia di comunicazione Prochemi, ormai pronta a partire nelle prossime settimane.
«Un progetto strettamente territoriale pronto a decollare», rimarca il vicepresidente di Uniascom Rudy Collini, «finalizzato alla valorizzazione del commercio di vicinato, per offrire al terziario del Varesotto una vetrina di alto livello, in grado di competere con i colossi dell’online e soprattutto di offrire una valida alternativa che consenta al cliente, di tutte le fasce d’età, di fare gli acquisti online nel negozio sotto casa, contribuendo in questo modo al rilancio dell’economia della propria città. Un progetto nel quale abbiamo coinvolto anche l’Università dell’Insubria».


Letta 258 volta/e